“L’ATENE D’ITALIA” PARMA ED IL MUSEO DEL PARMIGIANO

Domenica 14 Novembre

Partenza per l’EMILIA. Arrivo a PARMA incontro con la guida e giornata dedicata alle visite. Parma è una delle città più belle d’Italia e lo sa. Basta vedere con quanta cura e attenzione è tenuta. Non è un caso che Parma sia la capitale mondiale della musica e Capitale Italiana della Cultura per l’anno 2020. Giuseppe Verdi, il più grande musicista di tutti i tempi, è nato in questa città di aristocratiche tradizioni culturali, ricca di monumenti insigni, di preziose opere d’arte e delle memorie del suo passato di capitale. Ne fanno una città unica le testimonianze del suo grande periodo artistico e le istituzioni di civiltà per cui la città fu illustre in Europa, le signorie dei Farnese e dei Borbone, per cui Parma, nel XVIII secolo, poteva essere definita “l’Atene d’Italia”, l’illuminato governo di Maria Luigia d’Austria; la raffinatezza della vita sociale e il fervore di multiformi interessi culturali. Passeggiata nel centro storico sviluppatosi intorno all’antica Piazza Grande, oggi Piazza Garibaldi; il Duomo, una delle maggiori creazioni dell’architettura romanica del sec. XII, nella cupola l’Assunzione della Vergine, grandiosa composizione affrescata dal Correggio; il Battistero, agile costruzione romanico-gotica, a pianta ottagonale; San Giovanni Evangelista, chiesa rinascimentale con mirabili affreschi del Correggio nella cupola, nei pennacchi ed in una lunetta del transetto; la Galleria Nazionale, ubicata all’interno del Palazzo della Pilotta, importante soprattutto per la conoscenza della pittura parmense dal ‘400 al ‘700; annovera, fra l’altro, alcuni capolavori del Correggio, Beato Angelico, Canaletto, Sebastiano del Piombo, Guercino, Parmigianino, Tintoretto, ecc. Funge da sorprendente atrio scenografico della Galleria il Magnifico Teatro Farnese, uno dei più suggestivi. La Camera di S. Paolo, il Correggio vi lavorò nel 1519, dando la sua prima prova e realizzando uno dei capolavori del maturo rinascimento italiano; la stanza è coperta da una volta a ombrello, divisa in 16 spicchi impostati su lunette: Correggio vi dipinse un finto pergolato con putti entro tondi e, nelle lunette, figurazioni classiche a monocromato, etc. tempo a disposizione per il pranzo libero. Nel pomeriggio trasferimento a SORAGNA, località della bassa parmense ricca di storia, dominata da una Rocca esempio prezioso del primo Barocco e celebre in tutto il mondo per il Museo del Parmigiano. La storia del Parmigiano comincia all’interno dei monasteri benedettini e cistercensi nelle terre della pianura padana, dove già dal XIII secolo si iniziò a produrre un formaggio a pasta dura di grandi dimensioni utilizzando il latte delle numerose mandrie bovine impiegate nei lavori di bonifica. Questo formaggio nasce dal miglior latte degli allevamenti della zona, dall’arte antica dei maestri caseari, dalla lunga stagionatura naturale e non contiene conservanti, né coloranti, né antifermentativi o altro. Queste caratteristiche sono garantite dal Consorzio, ente ufficiale di tutela del prodotto, e sono certificate dall’inconfondibile marchiatura a puntini. Un esperto ci illustrerà la storia del Parmigiano in una location unica. Terminate le visite partenza per il rientro in sede.

€ 57.00

La quota include: bus – visite guidate come programma – accompagnatore.

La quota non include: eventuali ingressi

 

 

RICHIEDI INFORMAZIONI

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Oggetto

Messaggio

ALTRE PROPOSTE

IL PARADISO DI PIANOSA

LE PALE DI SAN MARTINO E BOLLICINE A VALDOBBIADENE

LIVIGNO ED IL TRENINO ROSSO DEL BERNINA

LA VILLA DI POPPEA E LE BELLEZZE DI NAPOLI

© Sissi Viaggi - BW

Oplomachia S.r.l. - P.IVA 02266880505

Sede legale - Via C. Matteucci, 38 - 56124 PISA

Sede operativa - Via Nino Pisano 9/11 – 56122 PISA – Tel. 050/42002