LA VILLA DI POPPEA E LE BELLEZZE DI NAPOLI

L’antica Oplontis, stazione metro “Toledo”, Spaccanapoli, Napoli Sotterranea, Cristo Velato, il Miglio Sacro, la Certosa di S.Martino

30 Ottobre/01 Novembre

1° Giorno – Partenza per la CAMPANIA. Pranzo libero lungo il percorso. Nel primo pomeriggio arrivo a TORRE ANNUNZIATA e visita all’area archeologica di OPLONTI: scavi per il recupero dell’area dove sorgeva l’antica Oplontis, un insediamento suburbano della vicina Pompei, con diverse attività commerciali e ville d’otium, seppellita durante l’eruzione del Vesuvio del 79, si sono svolti dal 1964 riportando alla luce la Villa di Poppea. Dal 1997 l’area archeologica di Torre Annunziata, insieme a quella di Pompei e Ercolano è stata inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Nei pressi di questa villa fu inoltre ritrovato un tratto di strada e diverse altre piccole costruzioni. Al termine della visita trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

2° Giorno – Trasferimento nel centro di NAPOLI, incontro con la guida locale e visita della stazione della metropolitana “Toledo”. È una stazione della linea 1 della metropolitana di Napoli ubicata nel quartiere San Giuseppe. Secondo il quotidiano inglese The Daily Telegraph è la stazione della metropolitana più bella d’Europa, primato confermato anche nella classifica della CNN. Progettata dall’architetto spagnolo Óscar Tusquets Blanca, la stazione serve per spostarsi sia nella zona del rione Carità sia nella zona degli adiacenti Quartieri Spagnoli, nonché della vicina piazza Carità. Proseguimento della visita con la Napoli più bella e tradizionale, lungo l’itinerario chiamato “Spaccanapoli”, cuore della città, che percorre il lungo rettifilo che “spacca” il centro partenopeo da ovest ad est, ricalcando il tracciato del decumano inferiore dell’insediamento greco-romano; via San Gregorio Armeno, il cuore di Spaccanapoli, è famosa ovunque per i suoi presepi, per le statuine prodotte in ogni foggia dalle botteghe artigiane Visita ad una delle più interessanti parti della città, la “Napoli sotterranea”. Si inizia con una proiezione di diapositive che illustrano tutta una storia particolare di Napoli, dato che la città sotto il suolo è quasi interamente vuota. Si scenderà poi per 100 gradini fino ad arrivare a 30 metri sotto terra; a questo punto, tra le altre cose, si incontra l’acquedotto Greco Romano risalente al IV sec. a.C., utilizzato poi negli anni ’40 come rifugio antiareo. Al termine tempo a disposizione per il pranzo libero. Nel pomeriggio le visite proseguiranno con la Cappella San Severo che ospita il “Cristo velato” posto al centro della navata, una delle opere più note e suggestive al mondo e ha sempre destato stupore e ammirazione. L’itinerario di visita si concluderà con Piazza del Plebiscito, una delle più armoniose e monumentali piazza di Napoli, chiusa ad ovest da Palazzo Reale e ornata al centro dalle statue equestri di Carlo I di Borbone e di Ferdinando I, e celebre per l’imponente colonnato dorico, voluto da Gioacchino Murat. Galleria Umberto I, tra le maggiori realizzazioni di fine ‘800, chiusa da una copertura in ferro e vetro. In serata rientro in hotel per la cena ed il pernottamento.

3° Giorno – Incontro con la guida ed inizio del tour del Miglio Sacro. Il Miglio Sacro di Napoli è un itinerario alla scoperta dei tesori del Rione Sanità, dove hanno abitato i popoli a sud e ad est di Napoli, e dove un tempo passavano in carrozza papi, re e cardinali. L’itinerario si sviluppa per un intero miglio e parte dalle Catacombe di San Gennaro fino al suo tesoro nel Duomo. Percorrere questo itinerario significa andare alla scoperta del Rione Sanità, centro e fulcro della cultura napoletana. Durante il percorso si possono ammirare numerose chiese, che da luoghi di culto si sono trasformati nel tempo in note gallerie d’arte. Un quartiere di Napoli che può vantare una storia millenaria e che ancora oggi la racconta ai visitatori attraverso le sue opere d’arte, le architetture, i suoi tesori. Al termine tempo a disposizione per il pranzo libero. Nel primo pomeriggio salita alla certosa di San Martino uno tra i maggiori complessi monumentali di Napoli; costituisce, in assoluto, uno dei più riusciti esempi di architettura e arte barocca. Essa è situata sulla collina del Vomero, accanto a Castel Sant’Elmo. Dal 1866 la certosa ospita il Museo nazionale di San Martino. Nel 2010 è stata dichiarata la collina su cui sorge la certosa “monumento nazionale”. Al termine delle visite partenza per il rientro in sede.

€ 295.00                                                       supplemento camera singola € 65.00

La quota include: bus – sistemazione in hotel 3/4* – pasti bevande incluse, visite guidate ed escursioni come da programma – accompagnatore La quota non include: eventuali ingressi e tasse di soggiorno

RICHIEDI INFORMAZIONI

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Oggetto

Messaggio

ALTRE PROPOSTE

SETTIMANA VERDE A VIPITENO hotel 3*Superior, centrale

LA BISTECCATA IN VAL DI CHIANA

FESTA DELLA MADONNA BIANCA: LUMINARIA DI PORTOVENERE 

MINI CROCIERA PONZA, PALMAROLA e giardini dI NINFA

© Sissi Viaggi - BW

Oplomachia S.r.l. - P.IVA 02266880505

Sede legale - Via C. Matteucci, 38 - 56124 PISA

Sede operativa - Via Nino Pisano 9/11 – 56122 PISA – Tel. 050/42002